+

4 fattori che influiscono sul posizionamento SEO del tuo sito web

BY Mariagrazia Semeraro | 9 maggio 2019
4 fattori che influiscono sul posizionamento SEO del tuo sito web

In che modo Google e gli altri motori decidono l’ordine dei risultati organici di ricerca? Pare che ci siano oltre 200 fattori a influenzare il posizionamento di un sito web, ma se c’è una cosa di cui si è certi nella SEO è che l’obiettivo dei motori di ricerca è quello di offrire agli utenti un’esperienza utile, completa e funzionale.

La SEO è un’attività complessa che richiede esperienza, competenze e aggiornamento costante, ma possiamo tuttavia indicarti alcuni fattori che influiscono sul posizionamento del tuo sito web, in modo tale da intervenire subito.

Fattori on site

È ormai noto che il protocollo sicuro di navigazione https abbia acquisito più rilevanza. Rispetto al vecchio protocollo http, l’https (dove s sta per sicuro) cifra i dati e li rende inutilizzabili per un potenziale hacker. Assicurati quindi che anche il tuo sito web lo abbia (e te ne accorgi dal lucchetto quando inserisci l’url del tuo sito web sul browser) e se ancora non ce l’ha, parlane con il tuo webmaster!

Anche l’usabilità, con un design fresco e un menu di navigazione chiaro, e l’accessibilità da ogni dispositivo sono fattori di primaria importanza per il posizionamento.

Infine, il caricamento di ogni pagina del sito web deve essere veloce: i motori di ricerca ne tengono conto sempre in ottica di fornire all’utente un’esperienza il più possibile positiva.

 

Fattori on page: testi e keywords

I contenuti di qualità sono uno dei principali fattori che contribuiscono al posizionamento di un sito rispetto ai competitors: è qui che si svela la professionalità e la bravura del SEO Specialist.

Ogni pagina del sito web deve avere contenuti utili, interessanti, ben scritti e focalizzati su keywords. Le pagine che si posizionano meglio hanno generalmente più contenuti: bisogna scrivere testi di almeno 250 parole, ma è meglio esagerare con più di 750 parole se si tratta di siti web con tanti competitors e parole chiave con volumi di ricerca maggiori.

È buona regola inserire le keywords con le quali si intende posizionare una determinata pagina nel titolo, nel tag title, nella meta description e nel corpo della pagina. In sintesi, l’ottimizzazione SEO on-page è ancora un fattore importantissimo di ranking e non può essere lasciato al caso.

 

Link in entrata e link in uscita

È consigliato, senza mai eccedere, linkare nel testo delle pagine altre pagine interne del sito, ad esempio per approfondimenti. Allo stesso modo, è importante avere anche link in uscita verso siti considerati autorevoli: il motore di ricerca tende a dare valore a siti web con link interni ed esterni. Inoltre, è importante curare i backlink, ovvero i link in entrata da siti web dello stesso settore del tuo sito web, da siti web autorevoli (TripAdvisor, Google My Business, ecc.), dai social. Più si parla del tuo sito web più è considerato autorevole dai motori di ricerca e avrà un posizionamento migliore nelle SERP.

 

Invio della sitemap

Il posizionamento è diverso dall’indicizzazione, ma il primo non può esistere senza il secondo. Per posizionare un sito web, in sostanza, occorre che sia indicizzato, ovvero deve essere presente negli indici dei motori di ricerca. Per facilitare e velocizzare l’indicizzazione del sito web è importante notificare la sua esistenza ai motori di ricerca. Per segnalare a Google l’esistenza del tuo sito web, devi inserirlo su Google Search Console e inviare periodicamente sitemap aggiornate, contenenti le nuove pagine inserite. Per finalizzare quest’operazione, dovrai affidarti al tuo webmaster o a specialisti SEO.

Il tuo sito risponde a questi fattori? Se vuoi un’analisi SEO del tuo sito web e un preventivo gratuito non aspettare, contattaci ora!

 

LEGGI ANCHE: COME MIGLIORARE IL POSIZIONAMENTO DEL TUO SITO WEB SU GOOGLE